sabato 29 aprile 2017

DONNARUMMA - INTER : RAIOLA LO OFFRE AI NERAZZURRI


Mino Raiola starebbe pensando all’affare Gianluigi Donnarumma-Inter. I tifosi del Milan si metteranno le mani nei capelli, perché Donnarumma sulla carta potrebbe essere il portiere e capitano rossonero per altri venti anni, ma mai come in questi giorni si fanno pressanti le voci su un suo addio. Da piccolo fu vicino all’Inter e passò al Milan, adesso è in fase di rinnovo col Milan e si inserisce l’Inter. A contattare i nerazzurri sarebbe stato lo stesso Raiola, che starebbe facendo un giro di sondaggi tra le grandi europee proponendo il suo assistito. Come riporta Il Corriere dello Sport Raiola avrebbe bussato alla porta dell’Inter e i nerazzurri ci starebbero pensando. Hanno in rosa Samir Handanovic ma potrebbe essere ceduto perché vuole giocare la Champions League. Donnarumma-Inter quindi assume contorni sempre più reali.

Calcionews24.com

martedì 25 aprile 2017

PREMIUM : PIOLI ESONERATO IN CASO DI SCONFITTA COL NAPOLI, PRONTO VECCHI


La situazione è talmente delicata che non sono esclusi addirittura clamorosi ribaltoni anche prima di questo campionato. Sì, avete capito bene: Stefano Pioli non è sicuro di rimanere sulla panchina dell’Inter fino al termine della stagione. Almeno questo è quanto sostiene Premium Sport, secondo cui l’attuale allenatore nerazzurro potrebbe anche essere esonerato nel caso in cui dovesse arrivare domenica sera a San Siro una brutta sconfitta contro il Napoli di Maurizio Sarri, un’eventuale sconfitta che sarebbe decisiva in negativo per la corsa europea della squadra.

sabato 22 aprile 2017

martedì 18 aprile 2017

CARESSA : "ALL' INTER VEDO GRANDI NOMI, TIPO MESSI"


“L’Inter con un sacco di soldi rivoluzionerà il mercato e vedrete che arriveranno dei nomi importantissimi, con o senza Europa League. Il Milan potrebbe cambiare il mercato con le idee, non credo abbia subito grandi disponibilità economiche sul mercato. Per l’Inter vedremo nomi proprio grossi, ad esempio Messi: io dico che gli farebbe andare via dal Barcellona e ai catalani farebbe bene fare un passo oltre Messi. Secondo me Messi non può stare nella stessa squadra per tutta la carriera, deve essere condiviso: ha vinto tutto, ha stabilito tutti i record, che vuole fare di più? Vada a vincere da un’altra parte”.
INTERISMO – “Mi aspetto un’Inter formidabile, cambierà moltissimo ovunque: è normale quando arriva una dirigenza nuova. Qualche punto fermo in società c’è e merita la conferma, ma l’Inter cambierà molto; anche mandare via qualche giocatore in cui non c’è Interismo e non ha attaccamento. Ho visto dei giocatori a cui andava bene ogni tipo di risultato: vorrei un altro tipo di garra. Nel passaggio di proprietà c’è stato un momento in cui i giocatori hanno cominciato a pensare a loro stessi e non a loro stessi in funzione della squadra: in difesa, a centrocampo e davanti. L’allenatore è andato un po’ in confusione: dopo il 7-1 con l’Atalanta non hanno capito che è stata una casualità. Quella non era l’Atalanta e quella non era l’Inter”.
GRUPPO – “E io non mi spiego l’esclusione di Joao Mario per cinque partite per far giocare Banega. Cambio con Murillo? Il toglierlo nel derby non è stata una mossa vincente, ma Murillo e Miranda come stanno giocando dall’inizio della stagione? Le colpe vanno divise: Miranda non sta facendo bene, ‘Epic Brozovic’, meno epic e magari un po’ più di sostanza. Io credo che l’Inter debba partire da un blocco italiano: ha troppi blocchetti di stranieri contigui culturalmente che non creano bene il gruppo. L’idea che dà l’Inter non è compattezza. Ausilio? Ha fatto bene a prendere posizione in quel modo. Chi va in Europa League? Pensavo andassero entrambe, ora è favorito il Milan”

sabato 15 aprile 2017

lunedì 10 aprile 2017

RAVEZZANI DURISSIMO : "INTER SENZA CARATTERE A COMINCIARE DA ICARDI , È LUI IL CAPITANO CHE DÀ L' ESEMPIO"


Secondo quanto scritto dal giornalista sul suo profilo Twitter, la squadra di Pioli ha sbagliato atteggiamento: “È inaccettabile che l’Inter scenda in campo come per una scampagnata dopo aver perso in casa con la Samp. Lo dice Pioli. Ma la colpa è sua. All’Inter manca soprattutto carattere. A iniziare da Icardi. Zero tiri in tutta la partita. Eppure è lui il capitano, lui che dà l’esempio”.

SUNING ALZA LA VOCE E TOGLIE IL GIORNO LIBERO ALL' INTER


La brutta figura rimediata contro il Crotone, costerà alla squadra nerazzurra il giorno di riposo. Oggi, dunque, alle 11 tutti in campo, per l’allenamento alla Pinetina. Il messaggio di Suning è chiaro: non sono tollerate più brutte figure e la qualificazione all’Europa League è il traguardo minimo che la proprietà chiede al tecnico e al gruppo. Difficile pensare a una situazione del genere un mese fa, il 12 marzo, dopo il 7-1 rifilato all’Atalanta. Quel risultato e più in generale le prestazioni offerte dalla squadra da quando Pioli ne aveva preso la guida avevano spinto il colosso di Nanchino a dare rassicurazioni importanti e inequivocabili all’allenatore sulla continuità del progetto legato a lui anche la prossima stagione. Trenta giorni dopo Pioli ha molte meno certezze anche se la società, sull’argomento panchina, mantiene «calma ed equilibrio» perché i principali responsabili vengono considerati i giocatori, non a caso oggi attesi da un vero e proprio… processo ad Appiano Gentile, dopo che già ieri di fronte a telecamere e taccuini il ds Ausilio è stato durissimo: “Siamo stati arroganti e presuntuosi. Con un atteggiamento e un approccio così non si va da nessuna parte”